'); }); jQuery('#-pro-menu-557-1567 .oxy-pro-menu-show-dropdown .menu-item:not(.menu-item-has-children) > a', 'body').each(function(){ jQuery(this).append('
'); });

Dove posso trovare posti insoliti da visitare a Roma?

30-Ago-2016

Roma accoglie ogni anno milioni di visitatori, provenienti da ogni angolo del pianeta, per visitare il Colosseo, i Fori, le meraviglie dell’antichità e la maestosità del Vaticano, San Pietro e tutte le opere Cristiane.

Tuttavia, se siete qui, avete probabilmente già visitato i migliori monumenti di Roma, quelli che tutti conoscono e state cercando posti insoliti da visitare a Roma: quei posti nascosti della Roma segreta, che solo i romani o chi ha girato in lungo e in largo per la Città Eterna conoscono.

Vi presentiamo allora 4 cose alternative da visitare a Roma che senza dubbio vi lasceranno senza fiato!

Il Cimitero Acattolico

Cominciamo questa carrellata dei posti meno conosciuti di Roma con il Cimitero Acattolico, situato nel quartiere Testaccio, alle spalle della celebre piramide Cestia. Il Cimitero Acattolico di Roma, conosciuto anche come cimitero protestante, cimitero di Testaccio o, nella sua accezione più suggestiva, cimitero degli Artisti, è un esempio suggestivo e affascinante di cimitero monumentale, costruito fra il ‘600 e il ‘700 per ospitare le spoglie di tutti i non-cattolici deceduti a Roma.
In quest’oasi di verde, è possibile trovare le sepolture statuarie di famosi personaggi del passato: vi sono sepolti, tra gli altri, i poeti inglesi John Keats e Percy Shelley, i resti dello scultore americano William Story e della moglie Emelyn (uno dei punti più suggestivi dell’intero complesso è proprio the Angel of Grief, la scultura che sovrasta il loro sepolcro), ma anche personaggi rilevanti della vita artistica e politica italiana: Antonio Gramsci, Arnoldo Foà e Carlo Emilio Gadda.
Per tutte le informazioni, è possibile visitare il sito ufficiale del Cimitero Acattolico.
(il link del sito è http://www.cemeteryrome.it/)

Il Buco della Serratura sul colle Aventino

Probabilmente, avrete già fatto un’accurata visita di San Pietro e ammirato il celebre Cupolone da ogni angolazione possibile.
Se questa vi è sfuggita, vi consigliamo di porre rimedio: fra i luoghi più suggestivi di Roma, ecco il Buco della Serratura sul Colle Aventino.
Si tratta di una vera e propria serratura, nel cancello del palazzo del Priorato dei Cavalieri di Malta, che offre una visione prospettica unica della Cupola di San Pietro, incorniciata dallo splendido giardino del Priorato (che rimane tendenzialmente chiuso al pubblico, salvo rare occasioni di apertura per permettere a turisti e curiosi di visitare gli stessi giardini).
Un consiglio? Visitatelo di sera: l’illuminazione della Cupola, in contrasto con quella del cortile, daranno alla vostra visita un sapore inimitabile.

Il Giardino degli Aranci

A pochi passi dal Buco della Serratura, sempre sul Colle Aventino, vi è il Giardino degli Aranci, in origine Parco Savelli. Si tratta di un piccolo parco di pianta rettangolare, ove crescono aranci (da qui il nome), un’oasi di quiete incontaminata nel caos urbano di Roma, protetti dagli antichi resti delle mura del Palazzo Savelli.
La peculiarità del Giardino degli Aranci è la vista panoramica mozzafiato che offre su Roma: a differenza di terrazze romane più conosciute, come il Gianicolo o lo Zodiaco, spesso confusionarie e affollate di turisti, Parco Savelli è una destinazione meno conosciuta ma che nulla ha da invidiare alle mete turistiche più blasonate.

Basilica di San Pietro in Vincoli

Spesso ignorata, a beneficio delle Basiliche Maggiori di Roma, San Pietro in Vincoli (sul colle Oppio, a poca distanza dal Colosseo), seppure non paragonabile per grandezza alle cugine Papali, è una piccola basilica che nasconde capolavori e curiosità assolutamente da non perdere. Un esempio? Il Mosè di Michelangelo, scultura dalle forme talmente realistiche che la leggenda vuole lo scultore colpì, al termine della realizzazione, con il suo martelletto, esclamando: ”Perché non parli?”.

Volete suggerire altre posti insoliti da visitare a Roma? Segnalatelo alla redazione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.

magnifierchevron-down