Sodio: quanto ne ho bisogno?

Sapevi che il sodio è un minerale essenziale per la nostra salute? È necessario per mantenere l'equilibrio dei liquidi nel nostro corpo, così come la funzione delle cellule nervose e muscolari. Quindi, perché c'è così tanta attenzione nell'evitare il sodio come se non fosse male per te? Perché la maggior parte degli americani ha troppi problemi nella loro dieta.

Troppo sodio può contribuire all'ipertensione in alcune persone e causare un aumento della ritenzione di liquidi che può essere pericolosa per la vita in alcune condizioni. Quanto abbiamo bisogno? Meno di 500 milligrammi al giorno. Eppure l'apporto dietetico medio di sodio in questo paese varia da 2000 a 4000 milligrammi, con alcune persone che superano i 6000 milligrammi al giorno. In effetti, è così difficile ottenere l'ammontare delle diete giornaliere in calo a 500 milligrammi che la Food and Nutrition Board ha formulato una raccomandazione per un massimo apporto & # 39; invece di un assegno dietetico raccomandato, come è consuetudine per la maggior parte dei minerali. La raccomandazione è di puntare a prendere un sodio tra 2000 e 2500 milligrammi al giorno. La prossima domanda è: come puoi dire quanto stai entrando nella tua dieta? In una certa misura ci sono le etichette dei prodotti alimentari: ma molti alimenti vengono senza etichette e non è realistico fare il conto alla rovescia di ciò che si sta mangiando tutto il giorno. Quindi diamo un'occhiata al contenuto di sodio di alcuni cibi comuni, e come si può fare un giudice abbastanza rapidamente se è alto di sodio, o ragionevole da mangiare.

Prima di tutto, il più delle volte, se non ha un'etichetta, non è ad alto contenuto di sodio. Per esempio, frutta e verdura fresche sono estremamente povere di sodio, tutte loro. L'unica volta che trovi un contenuto di sodio elevato è quando questi alimenti vengono lavorati: secchi, in salamoia, fermentati, pensa a sottaceti, olive e frutta secca. Le verdure in scatola hanno aggiunto sodio per aromatizzanti e conservanti. Hanno anche etichette in modo da poter vedere quanto c'è. Le verdure surgelate sono in genere piuttosto povere di sodio.

Le carni fresche (compresi pollo e pesce) non sono ad alto contenuto di sodio. Di nuovo, se entrano in una scatola e sono pre-preparati, puoi vedere sull'etichetta cosa stai ottenendo. Osserva da vicino le carni lavorate e affumicate, come prosciutto e mortadella. I prodotti lattiero-caseari non sono di solito una fonte di alto contenuto di sodio, ma controllate l'etichetta sui formaggi e sui formaggi caserecci: una maggiore elaborazione equivale a più sodio.

I prodotti da forno contengono sodio nel bicarbonato di sodio o nel lievito (bicarbonato di sodio) utilizzato per la lievitazione. Quindi non essere sorpreso se raccogli una pagnotta di pane e scopri che ci sono 120 milligrammi di sodio in una fetta. Sì, 120 suona come un numero elevato, ma ricorda che stai girando per 2000 al giorno, quindi non è una grande percentuale del tuo totale mirato.

Quindi, da dove proviene la maggior parte del nostro apporto di sodio: alimenti trasformati, senza dubbio, tra cui zuppe e stufati in scatola, cene surgelate e il più grande colpevole di tutti, il fast food. Fortunatamente, tutti hanno etichette. Qualsiasi ristorante di fast food consegnerà volentieri un foglio delle loro informazioni nutrizionali (o lo potrete consultare online!) Il cibo cinese contiene anche un'alta quantità di sodio dal loro ingrediente di cottura, il glutammato monosodico. La maggior parte dei luoghi sarà felice di ometterla durante la preparazione del piatto, ma le zuppe e altri cibi preparati (come i panini a base di uova) contengono quantità significative di sodio.

Il modo migliore per mantenere il tuo apporto di sodio dall'arrampicarsi troppo alto è limitare i fast food, i cibi preparati e gli altri alimenti lavorati. Per ulteriori informazioni, leggere il prossimo articolo di questa serie, "Sodio: capire quanto mangiare".

 
inserisci attivita

 10 cose nella vita quotidiana che non sono buone per te

Prossimo articolo »

 Facile cucina casalinga

Scrivi il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares