Questo è il miglior cibo italiano?

L'Italia è la capitale culinaria dell'Europa. Sono sicuro che il francese e lo spagnolo avrebbero sostenuto quel punto ma non avrebbero vinto. Gli inglesi e i tedeschi certamente non discutono. All'interno dell'Italia ci sono circa venti regioni individuali e ognuna ha una visione diversa del cibo. Un piatto di pasta cucinato in Sardegna sarà leggermente diverso da un piatto di pasta cucinato nel Lazio e a Roma. Questo è ciò che distingue l'Italia dagli altri paesi, l'unicità con cui si avvicinano al cibo e alla cucina.

L'Emilia-Romagna è il papà delle regioni alimentari italiane, comprendendo città come Parma, Bologna e Modena non è difficile capire perché.

Ma ciò che distingue l'Emilia-Romagna da altre regioni in Italia.

I negozi di specialità gastronomiche e la cucina emiliano-romagnola offrono tutto ciò che il palato può desiderare: splendidi prosciutti e mortadella fresca, gustosa parmigiana, una varietà infinita di pasta fatta in casa con salse irresistibili, sontuosi piatti di carne, selvaggina piccante, torte dolci o salate e pasticcini, deliziosi dessert, vini leggeri e dolci e, non ultimo, l'aceto più glorioso del mondo, aceto bahamim tradizionale, prodotto solo da una manciata di produttori affermati.

Una ragione per l'incredibile varietà della sua cucina è che la regione è composta da due aree diverse: l'Emilia, l'area tra la pianura padana e la Toscana settentrionale, e la Romagna, il paese montuoso con la costa adriatica a est. La fertile Emilia apporta pasta, prodotti caseari e carne pregiata, mentre la Romagna, a tratti aspra e inaccessibile, offre erbe aromatiche, selvaggina piccante e piatti di pesce della costa.

Il menu è completato da specialità delle città. Parma è orgogliosa del suo prosciutto e del suo culatello, Bologna offre la mortadella più squisita, le migliori lasagne e i tortellini più deliziosi del mondo. Piacenza è la casa dei tortellini.

Reggio Emilia è famosa per la carne brasata e l'erbazzone, Ferrara è la capitale della salsiccia e a Modena servono zampone o zamponi di maiale ripieni. In Emilia-Romagna vivono del buon cibo in due sensi. Le specialità locali finiscono sui loro piatti, ma sono anche state prodotte a lungo per l'esportazione, contribuendo così alla ricchezza della regione.

Nel Medioevo, il resto del mondo ha già tenuto in alta considerazione il prosciutto di Parma e il parmigiano, e nessun'altra parte dell'Italia è così densamente popolata da piccole, medie e grandi aziende alimentari. Sebbene le specialità emiliano-romagnole siano ora disponibili in tutto il mondo, è meglio conoscerle sul posto. Con un bicchiere di Lambrusco e una piadina, una torta di pasta tradizionale cucinata su un fuoco aperto, puoi scambiare due chiacchiere con gli emiliani e i Romagtloli sull'unico argomento della cucina regionale: il più gustoso. ciccioli di maiale – la versione piuttosto secca dell'Emilia o quella grassa e succosa che preferiscono in Romagna?
Il mio preferito dalla regione è stato il meraviglioso aceto balsamico di Modena semplicemente delizioso.

Non si può contestare nient'altro riguardo al patrimonio gastronomico dell'Emilia-Romagna, quando mai in vacanza in Italia percorre un sentiero per l'Emilia-Romagna e si prepara per un trattamento culinario e non preoccuparsi di quella dieta.

Questo è tutto un buon cibo sano.

 
inserisci attivita

 Alla ricerca di Morandi a Bologna

Prossimo articolo »

 Compleanni – Il primo

Scrivi il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares